Luigi Francesco des Ambrois de Nevache. Un grande protagonista del Risorgimento italiano

Collana: Storia
2-3d.gif
Formato: 14 x 21 cm
Pagine: 352 pp. + Cop. in brossura con bandelle
Edizione: Luglio 2019
Lingua: Italiano
ISBN: 9788833241777
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
25,00
21,25 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Recentemente il governo italiano ha inserito il Des Ambrois nell’elenco dei centocinquanta migliori servitori dello Stato. I suoi grandi meriti, il suo lavoro sempre volto al progresso del paese, costantemente collegato al resto dell’Europa per essere al passo dei tempi, la sua modestia e ritrosia, la sua estrema devozione all’Italia e alla monarchia, la sua grandezza di giurista e di politico, che sempre caratterizzarono il grande statista piemontese, devono essere costantemente di esempio fecondo a chi ha in sorte i destini dell’Italia. Nel discorso commemorativo pronunciato a Oulx il 22 settembre 1974, nel centenario della nascita, il professore Narciso Nada, ordinario di Storia del Risorgimento, riportò: «Il Des Ambrois fu senza dubbio un degno prosecutore della grande tradizione di quella burocrazia alpina che aveva avuto in uomini come Gian Battista Bogino, Prospero Balbo, Giuseppe Barbaroux i suoi più illuminati e illustri rappresentanti; e fu senza dubbio un tipico esponente di quella formidabile schiera di collaboratori che Cavour seppe riunire attorno a sé e che nel giro di un decennio allestirono le strutture legislative, economiche, finanziarie, grazie alle quali l’antico regno di Sardegna poté tentare l’impresa dell’unificazione italiana. Bisogna tener presente che essa poté rapidamente consolidarsi, nonostante le gravissime difficoltà di ordine esterno ed interno. Ciò fu dovuto soprattutto all’enorme lavoro compiuto e all’energia dimostrata da coloro i quali – con Cavour e poi, dopo la sua scomparsa, sulla scia delle linee direttive da lui tracciate – seppero realizzare quell’imponente opera di unificazione legislativa e quelle grandiose serie di opere pubbliche che ancora oggi lasciano stupiti anche gli storici più critici nei confronti della politica della Destra Storica».
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Dello stesso autore
Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.