Il ruolo della donna dalla Storia antica su giorni nostri

Collana: LA NOTTOLA
2-3d.gif
Autore: Aa.Vv.
Formato: 12x18cm
Pagine: 180 + Cop. in brossura
Edizione: Febbraio 2019
Lingua: Italiano
ISBN: 9788885692053
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
15,00
12,75 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
La Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna, su proposta della

Commissione di studio Economia della Cultura, ha realizzato e promosso la Prima edizione nazionale del Concorso letterario rivolto a dottori Commercialisti ed Esperti Contabili iscritti all'Ordine.
La scrittura è certamente un momento di condivisione e di confronto delle nostre idee. Bandire un premio letterario è un'attività trasversale, che interessa tanto le grandi, quanto le medie e piccole case editrici e crea un'occasione unica per tanti aspiranti scrittori professionisti.

Nell'ottica della finalità proposte dalla Commissione Economia della Cultura, si è ritenuto apprezzabile il progetto, teso a valorizzare la vocazione artistica letteraria degli iscritti, dando loro la possibilità di esprimersi attraverso la creazione di un racconto letterario, da inserire in un percorso di un premio dedicato agli iscritti della categoria.

A Bologna il progetto ha suscitato la curiosità e l'interesse dei colleghi, e si è deciso di condividerlo con tutti gli Ordini territoriali, nella convinzione che lo scambio di idee, esperienze, convinzioni, emozioni fra colleghi avvicini maggiormente gli Ordini a linguaggi e temi di grande attualità.

Il ruolo dei Commercialisti ed Esperti contabili, al centro di quell’incrocio tra sapere e fare, e quello delle Professioni in genere risulta fondamentale in quello che è e sempre più sarà un settore trainante del nostro Paese. Il fine è quello di promuovere la conoscenza e lo sviluppo dell'economia nel settore dei beni culturali, approfondire le caratteristiche delle imprese culturali, creare un collegamento fra esigenze culturali e sociali e utilizzazione economica dei beni, delle attività e della produzione culturale.

L’idea di istituire un concorso letterario, riservato ai Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili operanti nel territorio nazionale, è nato con l’intento di mettere in luce non solo le proprie competenze professionali, ma anche la propria creatività, i propri talenti ed emozioni.

L’antologia è composta dalle 12 opere finaliste della 1^ edizione del Concorso letterario nazionale e le letture delle opere inedite dello scrittore e poeta bolognese Luciano Manzalini, che ha condotto la Giornata conclusiva di premiazione ove, sulla base del lavoro svolto dalla giuria, sono stati proposti i racconti "segnalati" e premiati e i tre vincitori: Angelo Giuseppe Villa con il racconto “Dare, Dare, Dare“, Maria Teresa Scaccaglia con il racconto “Le Parole hanno Potere “, Riccardo Bizzarri con il racconto “Una Madre”.

Nell’affrontare l’analisi della condizione femminile sono altresì proposti tre brani che hanno un unico filo conduttore: la declinazione del comportamento della donna in un ambiente ove predomina il pensiero maschilista.
Per fare questa analisi si è ritenuto opportuno confrontare due testi classici con un teso moderno, ove appare chiaro che i temi affrontati da Euripide, trovano conferma nella intensa riflessione di Virginia Wolf.

Nel primo testo, tratto da IFIGENIA IN AULIDE di Euiripide, viene evidenziato il sacrificio che viene chiesto alla donna, per rispondere alle necessità di Stato. Ma pure accettando tale sacrificio, Ifigenia trova il modo di rivendicare la propria scelta, per cui la stessa non è vittima del potere maschile, ma si offre come contributo alla causa comune.

Nel secondo testo, tratto da Medea di Euripide viene presentata una donna che lotta per amore e che compie il più grave degli atti – l’infanticidio – come risposta alla pragmatica risposta maschile. Medea aveva aiutato Giasone alla conquista del Vello d’oro. Aveva abbondato la casa paterna, ucciso il fratello per seguire il grande sogno. Giunti a Corinto, con logica tipicamente maschile, Giasone abbandona Medea per sposare la figlia del Re e seguire la logica del potere. Il lamento straziante di Medea è il grido di ogni donna tradita ed umiliata.
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.