Domus Episcopi. Il Palazzo Arcivescovile di Bologna

2-3d.gif
A cura di Roberto Terra
Formato: 24 x 30 cm
Pagine: 228 + Copertina cartonata con sovraccoperta
Edizione: Dicembre 2002
Lingua: Italiano
Illustrazioni: 250 b/n e a colori
ISBN: 978-88-7381-035-7
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
49,00
41,65 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Il palazzo arcivescovile di Bologna è affacciato all’interno di una corte lungo il cui perimetro si raccoglie per intero il complesso dell’arcivescovado e si eleva l’abside della Cattedrale della città Petroniana.

Quel fronte non prospettante la pubblica via, ma un quieto interno, è, diversamente che nelle dimore patrizie, il principale del palazzo e l’iscrizione “Dilige Decorem Domus Tuae”, intende significare allo stesso tempo la dignità e l’ordine appropriati alla residenza del vescovo, così come l’ha concepita il cardinale Gabriele Paleotti che alla fine del Cinquecento la volle rifondare e riorganizzare nelle forme che ancora oggi ammiriamo.

Il volume intende ripercorrere la storia della domus dei vescovi bolognesi, che coincide temporalmente con la storia della stessa Chiesa di Bologna, dalle origini ai nostri tempi, attraverso le vicende architettoniche, artistiche e umane che l’hanno attraversata.

La memoria di quella storia, punteggiata di eccezionali testimonianze, è tutta custodita entro l’architettura del palazzo: le vestigia di età romana, la ricca austerità medievale, lo spirito della Controriforma, il mitigato barocco, il decoro ottocentesco tracciano insieme un significativo percorso di recente valorizzato da una generale opera di restauro conservativo.

La stessa ratio architettonica racchiude e rivela in maniera esemplare l’assetto funzionale e organizzativo dell’edificio, accostando agli ambiti della residenza – in tutta la loro gamma, dalla casa, ai servizi, all’orto – quelli dedicati all’esercizio del governo e dell’amministrazione della Diocesi, come pure quelli connessi alle attività della Chiesa Cattedrale e del Capitolo di San Pietro, legati, questi ultimi, agli usi dell’antico Studio bolognese.

Esplorati nella prima parte del libro la storia dell’edificio e i suoi aspetti artistici, la seconda si addentra nei modi e nei tempi di vita all’interno del palazzo, con proiezioni nel contesto cittadino e diocesano, scanditi all’interno degli ambiti funzionali e organizzativi quali la residenza, la curia, l’archivio, la biblioteca, lo studio.

Infine, presentate le biografie dei vescovi e degli arcivescovi di Bologna, sono esaminati alcuni tra gli episodi storici più significativi attraverso alcune figure cardine quali Gabriele Paleotti (1566-1597), Prospero Lambertini (1731-1754), Carlo Oppizzoni (1802-1855) e Domenico Svampa (1894-1907). 
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.