Testa Gian Pietro

a_noimage75
Gian Pietro Testa, giornalista e scrittore ferrarese, ha lavorato in numerosi quotidiani nazionali, tra cui Il Giorno, L'Unità, Paese SeraSenzaprezzo. Ha insegnato giornalismo al Carid dell'Università di Ferrara. Ha pubblicato giovanissimo due sillogi poetiche e un libro di racconti.

Nel 1976, con Einaudi, La Strage di Peteano, libro inchiesta con cui ha anticipato di alcuni anni la verità giudiziaria. Poi i poemetti Antologia per una Strage (1980), I Canti di Focomorto, L’Ultima notte di Savonarola, Il muschio del nord, Una notte che la luna era morta. Ha dato alle stampe due romanzi, Il linciaggio e Don Rodrigo: il rapimento di Lucia, nonché saggi storici e politici, Mura di Ferrara – La poesia del tempo (Minerva Edizioni) con fotografie di Remigio Urro, il pamphlet Lettera semiseria di un comunista al Signor Dio Ill.mo. Ha vinto numerosi premi giornalistici e di poesia.
(per i quali è stato inviato speciale ed editorialista), ha diretto l'emittente televisiva regionale Ntv, il quotidiano napoletano. 
Per Minerva Edizioni ha pubblicato anche i volumi Antologia per una strage (2005), il romanzo Io sono il Milite ignoto (2006) e Il Rocchetto di Ruhmkorff.

 

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.